Creare un logo adesso

Aggiornare il tuo logo: ricominciare da zero, o adattare il tuo vecchio logo?

Pubblicato : 17/11/2020

Per quanto non a tutti piaccia, il mondo cambia ogni giorno. In alcuni casi, le battute che 10 fa erano divertenti ora sono offensive. I trend vanno e vengono, e a volte ritornano. 

La tua attività non è immune ai cambiamenti che avvengono nel mondo. Forse hai iniziato un business quando l’Internet stava muovendo i suoi primi passi e ora ecco che oltre al tuo negozio fisico hai aperto uno store online. O forse hai ereditato il forno che i tuoi nonni hanno mandato avanti per decadi. Quando iniziarono l’attività, non si sarebbero mai immaginati di dover offrire opzioni vegane e senza glutine, e non era nemmeno pensabile che qualcuno potesse ordinare dei dolci attraverso una app e farseli consegnare sulla porta di casa. Ma, oggi, tutte queste cose sono fondamentali per il tuo business plan. 
 
In entrambi questi scenari, un nuovo logo è un modo efficace di mostrare al mondo che il tuo business è cambiato per adattarsi ai tempi. Ma è meglio sostituire il logo con uno nuovo, o apportare delle modifiche a quello che già hai così da dargli un look ‘aggiornato’? Così come per moltissime altre domande sui loghi e il graphic design, la risposta è: dipende. 


Motivi per cambiare o aggiornare il logo
 

 
Ci sono un sacco di motivi per cambiare o modificare il logo. Eccone alcuni dei più importanti: 

 
- Vuoi operare su scala nazionale
- Vuoi operare su scala internazionale
- Vuoi rivolgerti a una clientela diversa
- Hai cambiato il tuo modello di business
- Hai cambiato il tipo di prodotti che offri
- Ti stai fondendo con un’altra società
- Stai lanciando un nuovo business, come ad esempio uno store online per complementare il negozio fisico
- Il tuo logo ha un aspetto datato

 
Il logo è la faccia pubblica del tuo marchio. Deve descrivere il tuo marchio in modo accurato e tramite un’unica immagine, il che può essere difficile. Ma ci sono moltissimi modi per rappresentare la personalità del tuo marchio attraverso la scelta del font, i colori e persino le forme che scegli di utilizzare. Se non hai familiarità con questi concetti, prenditi un attimo di tempo per leggere i nostri articoli al riguardo. 

Quando il tuo business muta drasticamente, è probabile che il tuo logo non riuscirà più a descriverlo in modo accurato. Ad esempio, se hai un piccolo locale per gli acquisti da portar via e decidi di espanderti per diventare un ristorante vero e proprio, gli indizi utilizzati nel logo per dire al mondo che offri pasti semplice e veloci e a un prezzo conveniente – come i cerchi e un font privo di grazie – ormai non inviano più un messaggio accurato. Anzi, i clienti alla ricerca di un ristorante di qualità dove potersi sedere potrebbero ignorare il tuo ristorante quando vedono il tuo logo: la prima cosa che pensano è “cibo da asporto”.
 

 
A volte non si tratta di un business che cambia, ma della clientela alla quale vogliono rivolgersi. Forse gestisci un negozio che vende ricambi per auto. Sapendo che le macchine di solito sono considerate cose “da uomini”, il tuo logo è un ottagono blu scuro con un font deciso. Ma dopo anni passati a usare quel logo ti rendi conto che stai perdendo un sacco di soldi perché non ti rivolgi alle donne che guidano, e così decidi di aggiornare il tuo logo per renderlo più neutro. Il business non è cambiato: è cambiato il modo in cui lo presenti, così da poter entrare in contatto con delle persone che prima non riuscivi a raggiungere. 

 
 
A volte invece succede che la tua azienda si unisca a un’altra. Che sia una fusione alla pari, o che il tuo brand venga acquistato da un’azienda più grande o che sei tu quello che ne acquista un altro, in genere è necessario pensare a un nuovo logo. Per moltissime aziende che ci sono passare, la risposta è stata creare un logo che incorpori gli elementi dei loghi di entrambi le aziende: ExxonMobile ha mantenuto il rosso del logo della Mobile quando le due aziende si sono fuse.
 


Quindi, come puoi vedere, ci sono un sacco di motivi per cambiare logo. Un altro motivo per aggiornarlo è se, semplicemente, ha un aspetto datato. Se la tua azienda è da un po’ che è in giro, è probabile che il tuo logo contenga dei trend di design ormai vecchi. Forse donano al tuo logo un simpatico aspetto vintage – ma è anche probabile che lo facciano semplicemente sembrare vecchio.
 
 
 
Non è sempre facile distinguere un logo semplicemente datato da uno che non rappresenta più in modo accurato il proprio brand. Un modo per capirlo è paragonarlo agli altri loghi del tuo settore. Il tuo ha un aspetto vecchio? Se è così, forse è ora di cambiarlo.

Ma aspetta: alcuni loghi famosi non cambiano mai. Un ottimo esempio di ciò è il logo della Coca-Cola, che in pratica è sempre lo stesso dal 1886.
  
 
 
Forse il tuo logo non deve cambiare. Forse è perfetto così com’è e comunica la personalità del tuo brand con la stessa forza con cui riusciva a farlo la prima volta che è stato disegnato, anche se il tuo business negli anni è cresciuto e si è evoluto. Se è così, congratulazioni! Hai tra le mani un logo senza tempo.

Ma come si fa a capire se un logo può resistere alla prova del tempo e rimanere lo stesso mentre il tuo business evolve? Continua a leggere per vedere quali sono le considerazioni da fare quando prendi in considerazione un bel lifting per il tuo logo. 


 
A cosa devi pensare quando pensi di voler aggiornare il tuo logo
 


Quando pensi di voler aggiornare il tuo logo, fatti alcune domande per determinare se è la scelta giusta: 

 
- Il mio logo rappresenta in modo accurato il mio brand?
- Il mio logo riesce ad attrarre il mio target?
- Se potessi ridisegnare ora il logo, che aspetto avrebbe? Questo nuovo logo assomiglierebbe al logo che giù uso?
 
La prossima domanda è: è meglio introdurre un logo nuovo di zecca, o semplicemente modificare quello che già hai? La risposta? Di nuovo: dipende. 

Se stabilisci che il tuo logo attuale funziona così così e potrebbe fare di meglio, allora forse è meglio optare per un lifting. Ciò vale anche se cambi nome al tuo business o cambi business model. Modificando semplicemente il tuo logo per allinearlo con i trend odierni, eviti di alienare o confondere i tuoi acquirenti. 
 


 
 
 
Se il tuo brand sta attraversando dei cambiamenti importanti – come un nuovo nome, un nuovo modello di business, offerte drasticamente diverse o accesso a un nuovo mercato – probabilmente ti servirà un cambiamento più estremo nel tuo logo. In questo caso, forse è meglio ricominciare daccapo. 
 
 
 

Come adattare il tuo logo
 

Se scegli la strada del lifting, pensa a dei modi per dargli una rinfrescata senza cambiare gli elementi fondamentali che avevano reso il logo originale tanto efficace. 

A volte basta cambiare i colori. Anzi, forse non li devi nemmeno cambiare; basta modificare la tonalità, come ha fatto Visa:
 
 
 
Un altro modo è cambiare il font. Potresti scegliere un font più tondeggiante e dall’aspetto più moderno, oppure scegliere di dare al tuo logo una direzione diversa e usare un font con grazie che gli dia una certa aria sofisticata. 
 
 
 
Puoi anche rimuovere un elemento del logo e lasciare che sia il disegno a parlare. Ad esempio, lo swoosh di Nike è facilmente riconoscibile da tutti. Non ha bisogno della scritta “Nike”.

 
Un logo nuovo di zecca


 
Nei casi in cui è impossibile aggiornare in modo realistico il tuo vecchio logo, fai meglio a crearne uno totalmente nuovo. Un sacco di brand famosi l’hanno fatto – a volte, devi reinventarti per continuare a essere rilevante nel mondo di oggi. 
 
 
 
Un nuovo logo può mantenere gli elementi del tuo vecchio logo, così come AT&T ha mantenuto la stessa sfumatura di blu usata nella versione del 1969 del loro logo quando hanno scelto di utilizzare il globo. In questo modo, potrai mantenere alcuni dei più tangibili elementi della brand recognition, senza però ritrovarti costretto a incastrare il tuo vecchio logo nella nuova identità del tuo brand. Ma se questo approccio non funziona per il tuo brand, non provare a farlo funzionare per forza. A volte devi fare tabula rasa e creare qualcosa di completamente nuovo. 

 
Quando crei un nuovo logo, comincia dalle basi. Fatti le stesse domande che ti sei chiesto quando hai disegnato il tuo primo logo: 
 

- Per chi è il mio brand?
- Quali prodotti o servizi offriamo?
- Cosa ci distingue dalla concorrenza?
- Quali sono i nostri valori fondamentali? Come agiamo in base a tali valori?
- Che cosa si aspettano gli acquirenti da questo brand?

 
Quindi inizia a buttare giù qualche design in base alle risposte a tali domande. Come già detto prima, gli elementi di design del tuo logo – come i colori, le forme e il font – dicono al mondo attorno a cosa ruota il tuo brand e cosa bisogna aspettarsi da te. Pensa alla personalità del tuo brand e determina le scelte di design che comunicano tale personalità, come una sfumatura di verde saturata per un’affidabile azienda di giardinaggio, o un logo circolare di colore azzurro per un barbiere per bambini. 

Ricorda, sia che ti limiti ad aggiornare il tuo logo o scegli di imboccare la via del ‘logo nuovo di zecca’, hai bisogno del budget per tale cambiamento. Il tuo nuovo logo sarà presente in molti posti diversi: il tuo sito web, i tuoi biglietti da visita, la tua insegna e tutti i materiali pubblicitari che creerai. Qualsiasi nuovo design ti costerà tempo e denaro. 
Per fortuna, disegnare un logo nuovo di zecca non deve essere troppo dispendioso. Grazie al creatore di loghi di Logogenie, puoi creare il tuo logo professionale nel giro di pochi minuti – senza dover sapere nulla di programmazione o design.


 

Potrebbe piacerti anche