Creare un logo adesso

Il significato dei colori: come usarli nel design del vostro brand

Pubblicato : 30/07/2020

Quando disegnate il logo del vostro brand, ci sono tre importanti scelte di design da tenere a mente: 

 
• Forma
• Font
• Colore

 
Con forma intendiamo la forma generale del logo e le forme usate al suo interno, mentre il font si riferisce al font (o ai font) che scegliete di usare. Entrambe queste scelte di design comunicheranno la personalità del vostro brand. Il colore lavora al loro fianco, aggiungendo un’ulteriore dimensione di significato. Questo perché i nostri cervelli stabiliscono delle connessioni tra i colori e le emozioni. 

 


  

 
Pensateci – quando qualcuno prova un sacco di invidia si dice che è “verde d’invidia”. E quando qualcuno è arrabbiato, si dice che “vede rosso”. Gli esempi sono molteplici. La cosa da ricordare, quindi, è che quando scegliete dei colori specifici per il vostro logo, state scegliendo il modo in cui la gente vede il vostro brand. Imparare come sfruttare al meglio la psicologia dei colori è una delle abilità di branding più importanti che potrete mai sviluppare, soprattutto quando andrete al di là del vostro logo e comincerete a disegnare altre cose, come ad esempio il sito web o il merchandise. 

Date un’occhiata a tutti i vari modi in cui potete comunicare usando i colori. Leggendo le varie categorie, pensate anche agli attributi del vostro brand e se quel colore in particolare vi si addice o meno. Se è così, mettete quel colore in lizza per il vostro logo – forse sarà la sfumatura perfetta per il vostro brand. E mentre ci siete, forse vi piacerà leggere anche il nostro articolo sulle combinazioni di colori. 
 
 


Nero

 


 
 
Non importa dove lo usate, il nero trasuda sempre un’aria di mistero. Il nero ci ricorda del cielo notturno, quando tutto viene avvolto dalle tenebre. È un colore infausto, un colore misterioso, un colore sexy: l’ignoto ha sempre un che di stuzzicante. I brand di lusso usano il nero nei loro loghi per comunicare l’esclusività, e qualsiasi brand lo può usare per esprimere potere. 

Disegnate un logo nero – o in gran parte nero – se il vostro brand è definito dal mistero o dall’audacia. Se il vostro target di riferimento si definisce agile e moderno, allora scegliete il nero. Il nero può funzionare con qualsiasi brand in qualsiasi settore: basta che tale brand sia una presenza imponente, per quei clienti che riconosco un prodotto di qualità quando lo vedono. 


 
 
Bianco

 


 
 
Il bianco è spesso visto come l’opposto del nero. E quando si tratta di psicologia dei colori, c’è un certo fondo di verità. Mentre il nero è il colore dell’audacia e del mistero, il bianco rappresenta la purezza e la pulizia. Ecco perché è un colore così popolare tra i prodotti per le pulizie e, per estensione, i prodotti farmaceutici ed estetici. Qualsiasi brand che si presenti ai clienti come chiaro e inalterato può riuscire benissimo a farlo con un logo bianco. 

Ma un logo bianco può essere difficile da realizzare: nella maggior parte dei casi deve essere abbinato a uno sfondo colorato. Un sacco di marchi, come Mini, scelgono il nero perché fornisce un bel contrato e un’ottima opportunità di sfruttare tutto il potere del lusso che riesce a comunicare tale colore. Ma non dovete per forza scegliere un logo nero o uno bianco su uno sfondo colorato. 
 


 
Grigio


 
 
Quando il nero sembra troppo scuro, il bianco troppo chiaro e gli altri colori, beh, troppo colorati, allora scegliete il grigio. Il grigio è un colore neutrale che può funzionare per il brand di qualsiasi settore. Il grigio viene sfruttato al meglio in brand che vogliono passare per calmi, affidabili e/o vecchia scuola. Pensate a un paio di comodi pantaloni della tuta, o a un vecchio, saggio elefante. Sono grigi, ma non noiosi: il colore fa parte della loro identità. 

A volte i loghi argentati sono categorizzati come grici – ma noi li abbiamo divisi perché ci sono delle importanti sfumature tra il grigio e l’argento che non andrebbero ignorate. I loghi grigi spessi hanno un aspetto opaco, che li distingue nettamente dagli scintillanti loghi argentati. 

 

 
Blue 

 


 
 Il blu è calmo e composto. È l’acqua fresca sulla pelle accaldata; è addormentarsi cullati dalla musica. Scegliete il blu se il vostro brand è tranquillo e calmante. 

Blu è anche il colore ideale per qualsiasi brand che voglia apparire affidabile e professionale. Le banche spesso scelgono il blu proprio per questo motivo. È anche il colore giusto se volete ridurre lo stress provato dai vostri acquirenti quando interagiscono con il vostro prodotto, come ad esempio lo stress che chi non è appassionato di tecnologia prova quando deve spendere un sacco di soldi per comprare un apparecchio elettronico. 


 
 
Viola

 


 
 
Storicamente il colore della nobiltà, il viola riesce ancora a donare un certo sapore regale a qualsiasi logo. Così come il nero, il viola sembra lussurioso. Ma, a differenza del nero, il viola sembra un po’ “extra”. Non è il lusso minimalista: è il lusso massimalista per qui consumatori che vogliono assicurarsi che tutti sappiano cosa gli piace. 

Il viola è anche un colore frivolo, divertente. I brand che si percepiscono come strambi e disposti a sfidare le convenzioni possono usare un logo viola per comunicare la propria identità al mondo. 

 

 
 
Verde

 


 
Quando il logo di un brand è principalmente verde, di solito è perché quel brand si concentra sulle piante, il pianeta o la salute. Sono tutte idee connesse – una dieta a base di verdure è considerata essere la migliore per gli umani e l’ambiente, preservare gli spazi verdi riducendo gli sprechi porta ad aria e acqua più puliti e, in generale, meglio teniamo il nostro pianeta, meglio ci sentiremo. 

Se avere dei clienti in buona salute o migliorare la salute del pianeta è uno dei valori prioritari del vostro brand, allora scegliete il verde. 

Ma guardando diversi famosi loghi verdi, noterete che non appartengono tutti a brand ambientali. Questo perché il verde non implica solo la salute e l’ambiente: può simbolizzare anche i soldi, la fortuna, la ricchezza e la rinascita. Il verde è un colore confortante, forse a causa della sua associazione al mondo naturale. Simbolizza la freschezza, il che lo rende un’ottima scelta per una linea di mentine o per un’azienda tecnologia disposta a sfidare i limiti. 

  
 

Rosso

 


 
Il rosso è il colore della passione. Una passione che può essere felice ed entusiasta, o anche furibonda. A prescindere dall’emozione da cui scaturisce, la passione è sempre la passione, è la passione è sempre rosso fuoco. 

Se il vostro brand è guidato dalle forti emozioni o da qualsiasi altro tipo di “calore” (come una salsa piccante), allora il rosso è il colore che fa per voi. Il rosso riesce a catturare facilmente l’attenzione, e quindi è un modo facile per chiedere a chi vede il vostro logo di fermarsi e guardare ciò che avete da offrire. 
  

 

Rosa

 


 
Il rosa è il fratello più chiaro e più dolce del rosso. Spesso viene considerato il colore più femminile, il che lo rende un’ottima scelta per i brand che si rivolgono principalmente alle donne.  

Ma dire semplicemente rosa = femminile non gli rende giustizia. Il rosa è un colore versatile che può comunicare un sacco di cose a proposito di un brand, come la sua giocosità o giovinezza. Se il vostro brand punta tutto sul divertimento e la vivacità, allora il rosa deve far parte del vostro logo. 


 
Arancione

 


 
 Così come il rosso, anche l’arancione è un colore pieno di energia. Ma, a differenza del rosso – che trae buona parte della propria energia da emozioni quasi aggressive – l’energia dell’arancione è più divertente, più fuori dagli schemi. Posizionandosi a metà tra il rosso e il giallo, l’arancione simbolizza spesso il cambiamento – quindi, se il vostro brand ruota attorno alle transizioni, forse l’arancione è il colore giusto per il vostro logo. 

L’arancione è giocoso e strambo, proprio come il viola. Ma, a differenza del viola, l’arancione non presenta qualità lussuose. Anzi, è l’opposto: è accessibile, inclusivo. Se il vostro è un marchio rivolto a tutti, allora ditelo usando l’arancione. 
 


Giallo

 


 
In realtà il solo è bianco. Ma nella maggior parte delle raffigurazioni è giallo. Perché? Perché noi pensiamo al sole come a un personaggio raggiante e affabile, e nessun colore è più amichevole del giallo. 

Il giallo è un’ottima scelta per qualsiasi brand che si reputa divertente e non si prende troppo sul serio. È un ottimo colore per i prodotti per i bambini o gli animali domestici, e così anche per qualsiasi brand che si focalizza sul divertimento e l’amicizia. 
 
 


Marrone


 
 
Il marrone è affidabile. Il marrone c’è sempre, e sempre ci sarà. Il marrone è vecchia scuola, è sicuro, è confortante… pensate ai biscotti caldi o alle pareti di legno di un accogliente chalet.

Se volete mostrare ai vostri clienti che possono fare affidamento sul vostro marchio, allora scegliete il marrone. Allo stesso modo, usante il marrone per dare al vostro marchio una sensazione di natura, di aria aperta. Dopotutto, il marrone è il colore del terra e della corteccia degli alberi, e non c’è niente di più affidabile della Madre Terra. 

Il marrone è anche un’ovvia scelta per chi commercia in caffè o in dolciumi. In genere non si vedono moltissimi loghi marroni, quindi scegliere questo colore aiuterà di certo il vostro brand a spiccare in mezzo alla folla. 


 
Colori metallici

 


 Come detto prima, abbiamo creato una categoria a parte per parlare dei loghi metallici. I loghi argentati, dorati, cromati, e persino quelli rosa patinati si addicono a questa categoria perché sono troppo distinti dalle loro controparti opache per poter essere messi tutti assieme. E non sono solo diversi, comunicano tratti diversi riguardo i brand che li usano. 

Un logo metallico, in particolare un logo dorato o argentato, fa pensare ai metalli preziosi e ai gioielli. Imitando i costosi gioielli e altri oggetti di valore come i trofei o le medagli olimpioniche, i brand usano i loghi metallici per mostrare a tutti che i loro prodotti rappresentano uno status symbol. 


 
 
Loghi multi-colori

 


 
Ci sono diverse ragioni per usare più di un colore nel vostro logo. Quella più ovvia è l’estetica. Accoppiare un colore chiaro con una tonalità più scura dello stesso colore può donare profondità al vostro logo, creando un aspetto tridimensionale. Le sfumature chiare possono anche enfatizzare il testo e i simboli utilizzati nel logo. Mettere i colori in contrasto tra di loro – e con il testo e le immagini usati insieme ad essi – li fa risaltare, e colori simili raggruppati insieme sono spesso piacevoli all’occhio. 

Ma c’è un’altra importante ragione per usare più di un colore nel vostro logo: per mostrare che quello che avete tra le mani è un brand multidimensionale. Diciamo che il vostro è un brand tecnologico di alta fascia. Un logo nero vi rende il brand d’elezione dei clienti seri, di qualcuno che è disposto a pagare un po’ di più per acquistare dei prodotti elettronici di altissima qualità e un servizio clienti impeccabile. Ma se volete comunicare che siete anche un brand all’avanguardia, un brand che è sempre in prima linea nella creazione di nuove tecnologie, uno sprazzo rosso nel vostro logo ci riuscirà benissimo. Notate come Tesla nel proprio logo utilizza il rosso e il bianco per comunicare che non solo introduce di continuo delle tecnologie rivoluzionarie sul mercato, ma che la tecnologia che introduce è anche pulita.  

 

Potrebbe piacerti anche