Creare un logo adesso

I 10 migliori loghi di aziende tecnologiche – e come potete crearne uno per la vostra attività

Pubblicato : 23/09/2020

Dai software agli hardware, dai telefoni ai frigoriferi smart, le aziende tecnologiche vivono al confine tra il mondo moderno e il futuro. E sebbene la loro tecnologia supporti praticamente qualsiasi altra attività commerciale del pianeta, le aziende stesse si distinguono da tutti gli altri settori per la loro cultura azienda, per il marketing e persino per il design del logo. 

Il settore tecnologico è, paradossalmente, tanto inclusivo quando esclusivo: si integra senza problemi con gli altri settori, ma ne resta sempre distinto. Tale caratteristica la si vede riflessa nei design dei loro loghi – e le aspiranti start-up tecnologiche faranno meglio a capire quali tecniche di design rende questi loghi tanto unici. 

In questo articolo analizzeremo i 10 migliori loghi del settore tecnologico, spiegando quali sono i loro punti di forza e aiutandovi così a disegnare il vostro logo in modo appropriato. Parleremo di alcuni consigli pratici e vi faremo vedere come disegnare un logo con le vostre mani – dopotutto, molti di questi loghi hanno avuto origine non da agenzie di design multi-milionarie, ma negli squallidi garage dove queste aziende tecnologiche vennero fondate. 
 


I 10 migliori loghi tecnologici
 

Apple
 


 
Saremmo negligenti se non cominciassimo con Apple – non solo uno dei migliori loghi in ambito tecnologico, ma uno dei migliori loghi di sempre punto e basta. 

Tanto per iniziare, raffigura chiaramente il nome dell’azienda. Anche se non avete mai visto quel logo prima d’ora, è facile indovinare a quale azienda appartiene. Ma il loro logo fa molto altro – un sacco di compagnie hanno delle mele nei propri loghi, ma quello della Apple li surclassa tutti. 

Perché? In parte per il fascino delle curve. Il logo di Apple è quasi tutto curve circolari, tranne con i punti sul morso e sulla foglia. Come spiegheremo di seguito, le curve e le forme tondeggianti sono giocose e amichevoli e tendono ad attrarre l’osservatore. Per Apple, che possiede una forte comunità di fan, ciò contribuisce a creare una sensazione di appartenenza, sia migliorando la fedeltà che incentivando i nuovi arrivati a unirsi a loro. 
 


Samsung

 
 
Il logo della Apple vive in un mondo a parte – che cosa potremmo aspettarci da una compagnia il cui slogan è “think different”? Ma, con Samsung, cominciamo a riconoscere alcuni dei tratti comuni ai loghi tecnologici, come il logotipo creativo e il colore blu. 

I logotipi – i loghi che ruotano attorno al nome dell’azienda – sono comuni nel settore, in quanto aiutano a potenziare il riconoscimento del nome. Il trucco per renderlo interessante, come dimostrato da Samsung, è di fare qualcosa di creativo. In questo caso, notate la forma della lettera A, insieme alla prima e alle ultime lettere che rompono il bordo della cornice ovale. 

Il loro blu, come spiegheremo di seguito, è molto popolare nel settore. Tuttavia, Samsung usa una tonalità più scura degli altri, dando l’impressione di essere più seri ed efficienti, ma non altrettanto accoglienti. 

 

IBM


 
Creativo, memorabile e raffigurante il brand sotto una luce positiva, il logo di IBM è sempre stato un grande successo. Di nuovo, ecco il colore blu, ma questo è solo l’inizio di questo intricato design. 

La caratteristica principale sono le linee orizzontali. In superficie, sembra solo un modo creativo di visualizzare il nome dell’azienda, ma da una prospettiva di design c’è molto di più. Le linee orizzontali rappresentano la stabilità e la calma, che ricordano l’orizzonte o il terreno. Gli occhi di chi guarda vanno da sinistra a destra, facendo apparire il brand equilibrato. 
 
Il fond delle lettere non è casuale. Le lettere – spesse, con delle grazie squadrate – inviano ulteriori connotazioni di stabilità e affidabilità – con delle lettere più sottili, il logo non avrebbe lo stesso impatto. 

 

Microsoft
 

 Come il logo di Apple, anche quello di Microsoft rompe le regole tradizionali del settore. I rettangoli sono in netto contrasto con le forme circolari degli altri loghi, e i soffici colori dell’arcobaleno sono di una tonalità più calda e amichevole del solito blu. Se volete imparare qualcosa di più sui colori, leggete questo articolo: Il significato dei colori e come usarli. 

Nonostante il logo vada contro la tradizione, rimane comunque altamente efficace. La giocosità dei colori mitiga la severità dei quadrati, e quindi anche questo logo riesce ad essere invitante e accogliente come tutti gli altri. Inoltre, presenta l’idea della finestra, ricordando a tutti il software di bandiera della Microsoft. 

 Il testo del logo tipo si trova a cavallo tra il formale e l’informale, con delle forti linee dritte, ma senza grazie. Bel tocco connettere la F e la T alla fine.  
  


Intel


 
Il logo di Intel è quasi fin troppo simile a quello di Samsung – un logo tipo blu dentro a un ovale leggermente inclinato che si interrompe all’inizio e alla fine della parola. Chiaramente stanno usando le stesse tecniche di design per promuovere la recognition del brand e del nome, e trasmettere allo stesso tempo un’atmosfera invitante e accogliente. 

E, come Samsung, Intel usa un font creativo. Invece della A di Samsung, qui c’è una T a cui manca un pezzo. Il font usa le curve in modo intelligente, soprattutto sulla parte inferiore delle lettere altrimenti troppo squadrate – e questa qualità, combinata con l’uso delle lettere minuscole, rende il logo di Intel, molto più informale e giocoso di quello di Samsung, ma non altrettanto professionale. 

 

Oracle
 


Oracle ignora la maggior parte delle tendenze dei loghi tecnologici, ed è per questo che risalta. In un mondo dove tutto è blu, un rosso così audace è difficile da non notare – anche se questo rosso rende il logo di Oracle meno amichevole, allo stesso tempo lo fa apparire più potente, attraendo una clientela che pone enfasi sulla potenza piuttosto che sull’affabilità, per lo meno in ambito tecnologico. 

Gli angoli taglienti del font echeggiando il potere del colore rosso, in particolare con la R e la A, dove è più facile vedere tali punti. Gli angoli rappresentano l’energia e persino l’aggressione, ma Oracle stempera tali elementi accentuando le curve negli altri punti.  
  


Dell


 
Nel logo di Dell si possono riconoscere gli elementi comuni a tutti i loghi tecnologici – il logotipo, il colore blu e la cornice circolare. Ma delle prende questi trend e li fa suoi, facendo man bassa dei benefici e spiccando tra la folla allo stesso tempo.  

L’elemento più ovvio è l’uso del cerchio al posto dell’ovale, che aggiunse enfasi alla scritta. Tale effetto è combinato alla lettera E mezza rovesciata, facilmente riconoscibile come il marchio di fabbrica di Dell. Gli angoli netti delle lettere si mescolano bene con la grossa cornice circolare, dando allo stesso tempo un’impressione di formalità e informalità. 
 


Cisco

 


Di nuovo, ecco il blu e un logotipo preminente – ma le caratteristiche in comune con gli altri loghi finiscono qui. Tutto il resto è unico e, a ben vedere, piuttosto brillante. Parliamo dell’originalissimo disegno nella parte superiore del logo. È una rappresentazione creativa del Golden Bridge, l’emblema di San Francisco, la città da cui Cisco prende il nome. Quindi non si tratta semplicemente di un design interessante: aiuta anche con la brand identity e la brand recognition. 

Ma così come funziona per le linee orizzontali del logo di IBM, la serie di linee verticali comunicano un logo messaggio. Le linee verticali rappresentano il potere, l’autorità e la leadership – guidano l’occhio dello spettatore su e giù, dando l’impressione di qualcosa che ha successo, che si innalza: delle caratteristiche perfette per un’azienda tecnologica. 

 

Adobe
 

L’azienda di software dietro Photoshop e Acrobat, Adobe impara la lezione di Oracle e dà la priorità al farsi notare piuttosto che ai benefici dei trend convenzionali dei loghi tecnologici. Entrambi i loghi utilizzano una sfumatura di rosso tesa e mostrare potere ed efficacia. Potete leggerne a proposito nel nostro articolo sui trend dei loghi. 

Ma qui la differenza sta nell’utilizzo di un logo che ruota tutto attorno a una lettera, invece che a una parola. La A di Adobe è facile da usare in tanti posti, dalla favicon del loro sito web all’angolo della loro intestazione. 

Si tratta di un logo con un valore tutto suo. Gli angoli netti, come abbiamo già detto, danno un senso di energia e vitalità, mentre le linee spesse suggeriscono forza e stabilità. Usare lo spazio vuoto per “intagliare” la lettera è una scommessa artistica, ma si addice perfettamente al software creativo della compagnia, usato e amato da fotografi e artisti. 
 


Hewlett-Packard
 


Ultimo ma non ultimo, Hewlett-Packard utilizza i vecchi trend in un modo innovativo. Il colore blu e la forma circolare non sono niente di nuovo, come non sono originali le parti delle lettere che rompono la cornice in due punti diversi. 

Tuttavia, Hewlett-Packard utilizza le sole iniziali al posto di tutte e due le parole, aiutando così il logo a riempire l’intero cerchio, con meno spazio vuoto rispetto al logo di Dell. Le linee quasi dritte delle lettere donano la medesima atmosfera “autorevole” di Cisco, mentre l’inclinazione aggiunge un interesse dinamismo che lo aiuta a risaltare. 

  
Come disegnare il logo di un’azienda tecnologica: 3 consigli dagli esperti
Il blu, le curve e i logotipi – se un logo tecnologico possiede queste tre caratteristiche, allora sarà un successo, giusto? Non proprio. I trend di per sé sono facili da riconoscere, ma sono difficili da riprodurre. Diamo un’occhiata alle migliori pratiche per sfruttarli al meglio. 

 
Forme circolari e curve
 


Se avete letto gli altri articoli, sapete già che le linee tondeggianti aiutano a rendere un logo più giocoso e divertente. L’occhio umano tende sempre a seguire le curve, e quindi esse lo fanno “danzare” di più delle linee dritte, e di conseguenza sono più piacevoli allo sguardo. 

Le forme ovali e circolari che circondando i loghi di questo settore aggiungono un effetto di un’unità e creano un effetto “a vortice” che attira lo spettatore verso il centro, dove si trova il punto focale del logo. I cerchi sono ottimi in questo senso, ma le forme ovali sono migliori per distinguersi e risparmiare spazio. 

Queste tecniche sono usatissime dalle aziende tecnologiche, e a ragione. La tecnologia, soprattutto i computer, è qualcosa di estraneo ed esoterico per la maggior parte delle persone, compresi i clienti di queste stesse aziende. “Ammorbidendo” l’immagine del brand con linee tondeggianti e usando cornici circolari extra invitanti, i loghi delle aziende tecnologiche compensano l’innata freddezza ed esclusività del loro settore. 
 


Il colore blu


Guardando i 10 loghi di cui sopra, non è un segreto che il blu è il colore più usato. Anzi, il blu è il colore più usato per tutti i loghi, a prescindere dal settore. 
 
In base alla teoria del colore, secondo cui ogni colore provoca una certa risposta emotiva, il blu evoca fiducia, calma e inclusività. È il colore più usato nei social media e dalle banche, dove la fiducia reciproca è di fondamentale importanza, così come anche nel settore industriale. Così come le forme circolari mitigano gli aspetti freddi e distanzianti del settore tecnologico, così fa anche il colore blu. 
 
Il trucco è scegliere la giusta tonalità. L’azzurro massimizza l’affabilità e la fiducia – vedi Twitter – mentre i blu più scuri sono più adatti per la professionalità e la competenza. 
 
Una società come Samsung, con il suo blu scuro e le lettere squadrate, punta a mani capaci e serie. Allo stesso tempo, Hp, con il suo azzurro e l’accogliente cerchio, si pone come l’azienda tecnologica della porta accanto che puoi considerare tua amica. 

 
Logotipi


 
A differenza di Apple, il cui nome è perfettamente rappresentato da un oggetto, la maggior parte delle aziende tecnologiche ha nomi che non possiedono una rappresentazione diretta. Sugli alberi non crescono gli IBM o i Dell. 

È esattamente per questo che vediamo così tanti logotipi in questo settore – spesso non esiste un’icona in grado di rappresentare visivamente i nomi. Usare un logotipo incoraggia le persone a ricordare il nome oltre al logo. 

Quando si usa questa tecnica, il font è di cruciale importanza. Se volete apparire potenti e capaci, come IBM, delle lettere spesse e squadrate fanno al caso vostro, e potete aggiungere delle grazie se volete apparire anche professionali. Se invece volete apparire come affabili e informali, come Cisco, allora è meglio utilizzare dei font tondeggianti. Certo, potete anche fondere le due cose, come fanno Intel od Oracle. 

Una delle migliori cose da fare è dare un tocco tanto creativo quanto memorabile, come la A in Samsung e la E in Dell. Funziona a meraviglia per la brand recognition, e quell’unica lettera diventerà presto il tratto più caratteristico dell’intero logo. 


Come creare un logo per un’istituzione educativa
 


Ora che avete un’idea di cosa ci vuole per creare un logo tech efficace, la domanda è: come se ne crea uno? Fondamentalmente avete due opzioni: ingaggiate qualcuno che ve lo disegni, o disegnatevelo da soli. Entrambe le opzioni hanno i propri meriti e svantaggi, e quindi vediamo di esaminarle entrambe. 

 

Ingaggiare un Designer


 
I designer professionisti conoscono a memoria tutti i trucchi, le scorciatoie e le tecniche spiegate in questo articolo (e non solo). Quando ingaggiate un designer, che sia un freelance o faccia parte di un’agenzia, state comprando sia la loro professionalità che il loro tempo. 

Il problema è che nessun designer lavora gratis. Lo svantaggio principale risultante nell’ingaggiare un designer è il costo – i designer di talento si fanno pagare centinaia se non migliaia di dollari per il design di un logo. 
 
A volte potete trovare delle alternative più a buon mercato su siti come Fiverr, ma quei siti di norma non mantengono le aspettative, e ci sono migliaia di ex utenti di Fiverr che hanno la sensazione di essere stati imbrogliati. Lo standard dell’industria per un design è di circa 200 dollari. Quindi, se qualcuno vi fa pagare 5 dollari, fate bene ad essere sospettosi. 
 
Inoltre, anche se i soldi vi avanzano, può essere difficile trovare il designer che fa per voi. 
Il graphic design è un ambito creativo, è quindi ci sono innumerevoli stili artistici tra cui scegliere. Dovete essere sicuri di trovare un designer che comprenda la vostra visione e sia capace di darle vita – ma ciò può richiedere del tempo. 

 

Disegnate voi il vostro logo


 

Se non avete soldi da spendere per un logo, non disperate. In passato le opzioni erano limitate, ma la tecnologia oggigiorno è così avanzata che, virtualmente, chiunque può disegnare il proprio logo con uno strumento di design online di loghi come Logogenie. 

Nella nostra era digitale, il design ruota più attorno alle idee creative che alle abilità tecniche delle vostre mani. Non dovete padroneggiare l’uso del pennello o della matita – non avete nemmeno bisogno di una mano ferma. Con i creatori digitali di loghi, l’unica cosa che vi serve è un’idea. 
 
Logogenie, così come altri strumenti di design online, utilizzano i template per rendere il design facile e veloce, anche per chi non ha nessuna esperienza. Primo, scegliete l’industria dal menu a tendina. 
 
Il nostro algoritmo dunque genererà le scelte migliori per l’industria: in questo caso, scuola e educazione. 

Sceglietene una che vi piace e cominciate a modificarla. Potete personalizzare ogni template a vostro piacimento, scegliendo: 
 
- Immagini principali
- Nome dell’azienda e slogan
- Font 
- Schemi colore
- Dimensione del testo e delle immagini
- Posizione del testo e delle immagini
- Aggiunta di nuove icone
- Layering (posizionare alcune immagini davanti o dietro ad altre)

 
Nella nostra libreria troverete oltre 200 icone. Un’occhiata veloce vi mostrerà che ci sono un sacco dei simbolismi intellettuali di cui abbiamo parlato sopra, tra cui alberi e foglie arcobaleno, crest, libri, tocchi e molto altro ancora.  

Usando un creatore di loghi come Logogenie, potrete creare un logo dall’aspetto professionale nel giro di un minuto. Una volta finito, potrete acquistare tutti i permessi e le licenze commerciali per 24,90 dollari – e il logo sarà vostro per sempre. 

Anche se lo stile template del design funziona bene per chi è alle prime armi, otterrete dei risultati migliori approfondendo le basi del graphic design. Continuate a leggere il nostro blog per speciali consigli in ambito di design direttamente dagli esperti. 

 

Potrebbe piacerti anche