5 modi per disegnare un logo unico
- Pubblicato : 07/01/2019

Disegnare un logo? Certo, potresti pensare che disegnare una rappresentazione visiva di un marchio sia facile, ma un logo che salta all’occhio è qualcosa di più di un cerchio con il nome dell’azienda. Devi riuscire a incapsulare il significato. Altrimenti, che tu stia progettando il tuo logo o quello di un cliente, farai un torto enorme all’azienda. Qui troverai 5 modi per disegnare un logo che spicchi su tutti gli altri: 
 

1. Fatti alcune domande

 
Tutti i loghi hanno una storia? Sì e no. Ma è di fondamentale importanza sapere da dove viene il logo e perché. È un marchio che esiste da molto tempo? Ha un’eredità da rispettare? Puoi utilizzare queste informazioni nel design del logo, disegnando elementi che si ricolleghino all’origine del marchio.
Porsi delle domande è necessario anche per incorporare la strategia nell’aspetto generale. Il processo di branding va al di là del logo, ma le due cose sono interconnesse; e quindi, mentre sviluppi il tuo logo, dovresti avere le risposte a delle vitali domande di branding: 
Che cosa rende il marchio differente?
Quando è cominciato il marchio? Qual è la sua missione, il suo obiettivo?
Come pensa di realizzare i suoi obiettivi? 
Quali sono i valori del marchio o dell’azienda?
Qual è la personalità del marchio?
Chi è il pubblico di riferimento?
Quale sarà il design del mio sito web?
Se hai in mente di disegnare un logo, fatti ispirare dalle migliori 50 idee per loghi. 
 


2. Immagini che attraggono

 
Ci sono dei metodi per far sì che il tuo logo sia visivamente attraente – e uno dei metodi migliori è creare un’interpretazione visiva dell’idea generale dietro un marchio. Per esempio, potresti prendere in considerazione un doppio senso visivo, dove due icone si intrecciano a formare un’unica immagine (pensa all’illusione dei due volti di profilo e del calice). Oppure puoi utilizzare il nome del marchio per sviluppare un simbolo. Per esempio, se la parola è “calcio”, potreste fare in modo che queste lettere sembrino un pallone da calcio. 
 

3. Capire la psicologia dei colori

 
I colori sono parte integrante del design di un logo. Nessuno sceglie a caso i colori di un logo, e se lo fanno è ovvio che non stanno pensando molto al loro brand. I colori comunicano pensieri, idee e credenze. I colori catturano l’attenzione. Però, i colori sono anche insidiosi. 
Alcuni clienti si scelgono da soli la loro tavolozza. Altri vogliono una scala di grigi. In quei casi, potete fare un uso adeguato dello spazio negativo per creare interesse e poi usare le sfumature per dare vita all’illustrazione. 
E se avete campo libero, forse è il caso di dare un’occhiata alla psicologia dei colori nell’ambito del design. Anche se i colori, dopotutto, si riducono a come vengono percepiti, secondo una ricerca sulla “appropriatezza percepita” del brand che chiede “il colore si addice al prodotto venduto?”. Per esempio, il rosso è audace, passionale ed eccitante. Il blu è amichevole e confortante. Il verde viene usato per il denaro, la ricchezza e la salute. Il viola è misterioso, regale e ricco. 
A seconda del messaggio, il colore aggiungerà profondità al design. 
 
 


4. Scacciare i cliché 

 
Proprio come accade per i vestiti, le mode passeggere esistono anche per il branding e il design di loghi. Ci sono delle idee che sono oro puro, ma utilizzare sempre le stesse mode vuol dire andare a cercarseli, i problemi. Invece di seguire l’archetipo, quello che va di moda, perché non pensare a qualcosa fuori dagli schemi? 
Ecco alcuni cliché da evitare: 
Archi
Font Helvetica – se non mi credi, allora cerca che fine ha fatto il logo di Gap. E, a proposito di font banali, evitate il Comic Sans, il Papyrus e altre cose del genere a ogni costo. 
Punti messi a casaccio
Lettere che si sovrappongono
Balloon dei fumetti
 

5. Semplicità e simmetria

 
I loghi migliori sono quelli semplici – perché hanno la possibilità di evolvere. Ad esempio: lo swoosh della Nike. I loghi semplici sono potenti e parlano a una varietà di audience sparsa in tutto il mondo. le cose semplici sono memorabili, affascinanti e, spesso, ammirevoli. Tutti pensano che le cose complesse e vistose siano le migliori, perché vi permetteranno di risaltare; ma, in realtà, le icone migliori sono quelle con linee semplici e con un singolo elemento eccitante. 
Prendiamo la mela della Apple. Un’icona della mela priva del morso non è niente di speciale. Ma una volta aggiunto il morso, il significato del logo viene altamente intensificato. 
Un altro modo per fare le cose in modo semplice ma efficace è di pensare simmetricamente. Utilizzando sempre il loro della Apple come esempio, se guardiamo le curve e le linee, possiamo notare che c’è una certa consistenza nei cerchi e nelle curvature. O diamo un’occhiata all’ultimo logo di Twitter. Resterai meravigliato da tutti i cerchi utilizzati per mantenere le linee in sincronia.
 
 


Crea un sito web per la tua azienda

 
Oggi come oggi, ogni azienda deve per forza avere un sito web. Molti piccoli imprenditori diranno che non hanno i soldi per far costruire un sito web. Una soluzione economica è utilizzare un editor di siti web, e ce n’è uno che afferma di consegnare dei siti web aziendali con dei software specifici già incorporati, quale che sia il vostro settore – Vevs. È verissimo: i ragazzi di Vevs lavorano sodo per riuscirci! Controlla se supportano il tuo settore e contattateli nel caso in cui abbiate bisogno di qualcosa di specifico: la loro offerta è altamente personalizzabile. 
 

In conclusione

 
Nessuno vuole un logo brutto. Smetti di pensare in termini di cosa è stato fatto e crea invece qualcosa di unico, fuori dagli schemi. Sebbene questi consigli sono quelli seguiti da tutti quelli che hanno progettato dei loro senza tempo, spetta a te dare un tocco creativo al design del tuo logo. Ora che conosci questi trucchi, dovresti sentirti ispirato – e allora vai, comincia subito a creare il tuo logo!
 
 
 

Potrebbe piacerti anche